Prove tecniche di trasmissione.

Ed eccolo, il prismetto, ma che dico prismetto, troncuccio di conetto (o sarebbe meglio dire cornetto o cornuto, cornuto come “qualcuno" si ritrovò, si dice, per “mano" di Cacciari), prismetto curvo forse a omaggiar la schiena di Re Giorgio, argentizio forse a omaggiare il capello di Verdini, grande che ti servono due mani per tenerlo (dicci la tua, Siffredi!). Ce l’ho, schiaccio e non mi dice niente ('A favellar non s'ha lo stolto' diceva Cespuglion de' Castiglioncello nel 'pugnar la pugna'). E infatti fuor dell'apologetica di regime ('Il futuro in tasca', Repubblica, ma lo diceva anche di se stessa; 'Il [...]

2016-04-21T13:47:03+00:00 23/09/2014|Minute|

Cartoline.

Caro superego, sono a Ibiza da quattro giorni. Ho assunto crack, sparato dal campanile, rubato un’auto. Mentre la bruciavo mi sono accoppiato con due donne e due uomini (credo fossero tali) sul cofano in fiamme. Uno di loro è rimasto arso vivo. L’ho seppellito nel bosco. Ho atteso che nascesse un fiore, l’ho avvelenato. Ha attirato un cerbiatto, l’ho chiamato Bambi. Ho una penna in una mano e un suo cosciotto nell’altra. Come vedi io e il Principale ce la caviamo benissimo senza di te. Un caro saluto, tuo Es

2016-04-21T14:55:05+00:00 08/09/2012|Minute|

Gruppo di famiglia in un interno.

«Non è la rottura di stare qui seduti a non fare niente...», disse il Millennium Bug, «Sì, è che ti ci fanno credere», chiosarono i protocolli di Sion. «Con questa avrei dovuto volarci», sospirò la strega scopando via un’ape africanizzata stecchita. «E io? Dieci milioni ne dovevo far fuori!», piagnucolò la Sars. Seguì la solita pernacchietta di superiorità dell'Anno Mille. «È che senza paura ci si annoia: e di cosa dovremmo aver paura? Siamo tutti qui», valutò Satana. S'aprì la porta: «Via quelle facce: ecco birra e imbuti, oggi ho superato 480».

2016-04-21T15:10:10+00:00 16/07/2012|Minute|

De Paternitate /3

Hey io! Solo uno come Whitman, che non ha mai avuto figli (legittimi, almeno), poteva dire che ‘conteniamo moltitudini’. Ok, è vero, prima di riprodurti ce le hai, tante personalità. Io me le immaginavo un po’ tipo il video di «Hey Ya!» degli outkast: tanti me vestiti ognuno in modo diverso, indaffarati a litigare in una sola, eterna riunione di condominio allestita in un lavatoio dismesso del mio ipotalamo. Nell’istante in cui è nato mio figlio la riunione ha avuto fine. Nel sangue. Sono entrate le milizie golpiste di Io Padre e hanno ucciso quasi tutti come cani. Fine delle [...]

2017-01-26T19:23:31+00:00 29/06/2012|De Paternitate|